Come fare SEO con i BACKLINK

By 1 Feb 2018 SEO & SEM
Come fare SEO con i BACKLINK

Tra i più importanti fattori di SEO per monitorare il posizionamento di un sito web sui motori di ricerca troviamo il numero, tipologia e qualità dei link che quel sito riceve, ovvero i backlink.

Tramite i backlink la pagina acquisisce più o meno valore in base alla fonte di provenienza del link in questione; vediamo quindi quali sono le principali caratteristiche dei link che trasmetteranno valore al nostro sito web:

ANCHOR TEXT

L’anchor text non è altro che la parola contenuta nei link sottolineati di colore blu; spesso sul web troviamo i classici “clicca qui” oppure “a questo link”, in realtà sarebbe importante inserire una keyword rilevante ed attinente rispetto alla pagina che riceve il link.

LINK INTERNI O ESTERNI

C’è differenza tra link interni e link esterni; infatti il motore di ricerca preferisce i link provenienti dall’esterno piuttosto che quelli che noi stessi rimandiamo all’interno del nostro sito verso le varie pagine.
Non sono totalmente da escludere i link interni, ma diciamo che per quanto riguarda l’indice di popolarità di una certa pagina viene dato valore ai link esterni rispetto a quelli interni. Risulta importante anche il fatto di ricevere tanti backlink, ma da siti differenti, un fattore questo ancor più determinante.

AUTOREVOLEZZA

Esiste un fattore che definisce l’autorevolezza e la popolarità di un sito web: il Page Rank.
Questo non è altro che una formula matematica basata su più fattori che darà un risultato numerico da 1 a 10 e che stabilirà il livello di popolarità di un sito.

STORICITÀ

Altro aspetto importante è l’età di un link; i motori di ricerca apprezzano contenuti sempre nuovi, ma danno importanza anche a pagine che durano nel tempo e che hanno vita lunga. 

POSIZIONE DEL LINK

Esiste una differenza di valore anche sulla posizione del link in questione; che sia in header, sidebar, footer, area del contenuto…il valore del link assumerà sicuramente un valore diverso. Avranno più importanza quindi i link presenti nel contenuto vero e proprio, mentre non hanno valore assoluto i link presenti nel footer.

TAG E REL NOFOLLOW

È in teoria possibile bloccare il passaggio di notorietà e valore di un link in uscita dal proprio sito nei confronti di uno esterno al quale vogliamo indirizzare un nostro link. Per fare ciò è possibile inserire il rel=“nofollow” all’interno del meta o di un href. In questo caso il motore di ricerca porterà l’utente al link che abbiamo inserito, ma il sito sul quale atterrerà non riceverà alcun valore in termini di SEO.

Possiamo dire in conclusione che per ottenere backlink di qualità bisogna partire con una strategia ben mirata.
Nel caso si decidesse di investire in questo tipo di attività bisognerà partire con l’individuazione di parole chiave in linea con il proprio argomento, per poi eventualmente creare collaborazioni dirette o indirette con altri siti web che possono essere validi per questo scambio di “link”. 

Vuoi imparare tutto sul mondo Web?

Crea il tuo percorso di formazione personalizzato!

SCOPRI DI PIU'
Chiara Paoletti

Chiara Paoletti

Sono diplomata in Marketing e Comunicazione presso Polimoda. La mia prima esperienza sul web nasce con l’ apertura del mio Blog personale www.themodafashionblog.it per parlare di moda e tendenza. Oggi mi occupo di Web & Social Media Marketing per le aziende e sono Trainer per corsi di Formazione.